Allergia, asma, rinite allergica e orticaria

Eccoci a Marzo, mese "pazzo", dedicato a S.Giuseppe. La primavera ci fa sentire meglio un po' tutti, con le giornate più lunghe e qualche sprazzo di sole in più. Questo non per chi soffre di allergia

Pubblicato : 24/02/2010 08:39:34
Categorie : Allergie e rimedi naturali , Maria Elena Frosini

Eccoci a Marzo, mese "pazzo", dedicato a S.Giuseppe. La stagione della primavera parte con il 21 del mese o, ad essere precisi precisi, il 20 Marzo alle 18,33. Certo a sentir parlare di primavera ci si stente meglio un po' tutti, con le giornate più lunghe e qualche sprazzo di sole in più. Vi sono però tante persone, purtroppo sempre di più, che temono l'arrivo di questo periodo per il ritorno a "sofferenze quotidiane". Parlo di coloro che soffrono di allergie, che con la primavera vedranno tornare, oltre ai fiori e alle rondini, anche gli attacchi asmatici, il raffreddore da fieno, la tosse allergica. Quest'anno, magari, potrebbero prendere in considerazione i nostri consigli, iniziare subito una buona prevenzione, e ridurre sia la comparsa dei fenomeni allergici sia il consumo di farmaci.


Argomenti

    - ASMA
    - RINITE ALLERGICA
    - ORTICARIA


ASMA
L' asma bronchiale è una vera e propria malattia nella quale i bronchi, se infiammati per essere venuti a contatto con aria fredda o con allergeni vari, rispondono con crisi respiratorie, durante le quali si ha restringimento delle vie aeree ( broncospasmo ), difficoltà respiratorie con respiro sibilante, senso di costrizione toracica e tosse. Spesso nelle fasi terminali dell'attacco si ha espettorazione di abbondante muco denso con un notevole sollievo per il paziente. Oltre al disagio della malattia l'asma induce senso di panico per la profonda difficoltà respiratoria che si manifesta durante gli attacchi. Gli allergeni che possono scatenare crisi asmatiche sono le muffe, i pollini, i peli degli animali, i rifiuti degli acari. Una volta che i bronchi sono venuti a contatto con tali allergeni il sistema immunitario produce anticorpi IgE, scatenando l' attacco asmatico. In questo caso si parla di asma allergica. Un altro tipo di asma è l' "asma da FANS", scatenata dall'intolleranza individuale per i farmaci antinfiammatori non steroidei, principalmente aspirina. Possono scatenare crisi asmatiche anche il reflusso gastro-esofageo, lo sforzo fisico, l'inquinamento atmosferico, le polveri sottili.

Durante la crisi asmatica gli unici farmaci da utilizzare sono quelli consigliati dal medico di famiglia. Possiamo pero fare prevenzione con utili rimedi naturali estremamente efficaci.
La Perilla Frutescens appartiene alla famiglia delle Lamiacee. E' una pianta conosciuta anche da noi per scopi ornamentali ma molto utilizzata in Oriente per le sue proprietà. I suoi semi contengono un olio ricco di acido alfa-linolenico, eccellente antiossidante, e principi flavonici, con provata attività antiallergica. Secondo alcuni autori moderni, la Perilla sembrerebbe inibire notevolmente il rilascio di istamina in maniera assai più attiva del sodio cromoglicato, riducendo notevolmente la possibilità che si scateni una crisi asmatica. L'uso preventivo di tavolette di Perilla, anche a partire da Gennaio, può ridurre l'entità e il numero degli attacchi asmatici.
Alla Perilla possiamo associare un rimedio principe della medicina naturale: il Ribes Nigrum. La formulazione più utilizzata è il macerato glicerico, ottenuto dalle gemme del ribes nero, e possiede attività antinfiammatoria, broncodilatatrice, antiallergica, immunomodulante, adattogena.
Altre piante possono potenziare l'azione di queste prime due. Parlo di Adatoda vasica, un potente broncodilatatore molto utilizzato dalla medicina tradizionale indiana contro asma bronchiale e tosse.
La Boswellia serrata, nota per la sua notevole efficacia contro i dolori articolari, é in grado di bloccare la sintesi dei leucotrieni, mediatori dell'infiammazione.
Vi sono studi che affermano che anche il Ginkgo biloba può essere impiegato nell'asma bronchiale poichè sembra che inibisca l'azione del PAF, fattore attivatore di piastrine, leucotrieni e prostaglandine, che causano broncospasmo e edema della mucosa.

RINITE ALLERGICA
E' il famoso raffreddore da fieno, stagionale, scatenato dalla liberazione di pollini e spore nell'aria. Si manifesta con starnuti, lacrimazione, rinorrea acquosa, prostrazione. Il Ribes Nigrum e la Perilla frutescens anche in questo caso possono essere di notevole aiuto. Per quanto riguarda la posologia per Ribes sono necessarie 50 gocce due volte al dì in poca acqua lontano dai pasti. Di Perilla se ne assume una tavoletta tre volte al dì, meglio lontano dai pasti.

ORTICARIA
Parlando di allergie una classica reazione allergica cutanea è l'orticaria. Può comparire a causa del freddo intenso o del sole, come reazione alla puntura di insetti ( es. vespe ), all'ingestione di cibi allergizzanti ( come pesce, uova, fragole, crostacei, latte ), all'uso di alcuni farmaci ( es. aspirina e FANS, antibiotici ).
Si manifesta con prurito e, di solito, presenza di piccoli ponfi pruriginosi. Il decorso può essere acuto, di pochi giorni, o può durare invece mesi o anni ( orticaria cronica ). I rimedi più efficaci sono ancora Perilla e Ribes Nigrum; localmente si può applicare gel di aloe più volte al dì.

Condividi quest'articolo

© Erboristeria | www.rodiola.it.

Zenobia s.r.l - P.IVA 01833970971 - R.E.A FI 475580 - Via Petrarca 53 - 59015 - Carmignano (PO)