Apparato respiratorio: malattie di fine inverno e allergie

Marzo è un mese in cui il nostro apparato respiratorio viene messo a dura prova. I pollini saranno il peggior nemico di chi soffre di allergia.

Pubblicato : 25/02/2011 17:17:15
Categorie : Allergie e rimedi naturali , Malattie invernali , Maria Elena Frosini , Rimedi naturali per tutti

Marzo è un mese in cui il nostro apparato respiratorio viene messo a dura prova: con le prime giornate di sole la stagione inizia ad essere più gradevole ma non tanto da poterci permettere di scoprirci ai primi raggi di sole. E questo ci frega. I pollini inoltre saranno il peggior nemico di chi soffre di allergia. Vediamo come prevenire entrambi i problemi.

Sommario:
- Apparato respiratorio
- Malattie e allergie
- Prevenzione
- Rimedi naturali
- Contro l'allergia ?

APPARATO RESPIRATORIO
E' un insieme di organi che provvede allo scambio di gas tra l'ambiente esterno ed il sangue e viceversa. L'aria entra dall'esterno all'interno del corpo attraverso le  cavità nasali, dove viene liberata dal pulviscolo e riscaldata, quindi passa attraverso la faringe. Da qui raggiunge la laringe, dove si trovano le corde vocali e dove si trova la glottide, il punto più stretto delle vie aeree superiori. Dalla laringe l'aria raggiunge la trachea. All'altezza della quarta o quinta vertebra toracica la trachea si biforca e dà origine ai due bronchi principali, i quali una volta penetrati nell'ilo polmonare  si ramificano e si distribuiscono a tutto il parenchima polmonare. L'aria raggiunge i  polmoni ed arriva agli   alveoli polmonari, dove avvengono gli scambi gassosi col sangue.

MALATTIE E ALLERGIE
Allergia polline Le malattie che possono colpire questo insieme di organi sono varie. Di solito si tratta di sindromi infiammatorie che possono colpire una o più parti dell'apparato : sinusiti, tracheiti, faringiti, laringiti, bronchiti, polmoniti. Sono patologie che si riscontrano prevalentemente nella stagione invernale e sono dovute all'azione di virus o batteri. Sempre più persone sono affette anche da allergie, come l'asma bronchiale, che coinvolgono ancora gli organi dell'apparato respiratorio. In questo caso le cause scatenanti sono i pollini, gli acari della polvere, i peli degli animali. I sintomi sono un po' gli stessi : produzione di muco, starnuti, malessere generale, lacrimazione, rinorrea. I rimedi naturali dei quali ci possiamo avvalere sono molteplici, tutti efficaci e senza effetti collaterali o con effetti negativi minimi.

PREVENZIONE
Prevenzione delle malattie respiratorie e allergie Per chi tutti gli anni deve combattere coi soliti malanni della stagione più fredda la medicina naturale propone rimedi che vanno a rafforzare le difese immunitarie. Assumendo questi rimedi a partire da Settembre il nostro sistema immunitario sarà più forte e reattivo nei confronti di virus o batteri invasori, l'eventuale malanno sarà affrontato in maniera più potente ed avrà una durata decisamente minore. Abbiamo parlato spesso di rimedi come echinacea, uncaria o propoli, efficaci nello stimolare i nostri eserciti di difesa contro patogeni aggressori. Oggi vorrei porre l'accento su un altro rimedio molto efficace proveniente dal continente Indiano. Si chiama Amla o ribes indiano ed i suoi frutti sono ricchi di vitamina C.

La medicina ayurvedica utilizza Amla da 5000 anni ma solo da poco tempo anche l'Occidente se ne sta interessando. Studi scientifici hanno dimostrato che è la più ricca fonte di vitamina C del pianeta e che contiene anche notevoli quantità di bioflavonoidi, saponine, SOD ( superossidodismutasi ), tannini. Stimola in maniera energica il sistema immunitario ed  è un potente antiossidante naturale; sembra che possieda anche  proprietà antibatteriche, antivirali e antimicotiche che ne fanno un valido alleato anche in corso di malattia e non solo come preventivo.


RIMEDI NATURALI
L'abete bianco ( abies pectinata ) è uno dei rimedi più utilizzati al passaggio del "Generale Inverno". L'abete è una conifera, una pianta che c'è dall'origine stessa della Terra. E' alto, elegante ed ha tanto da dare. Si utilizzano le gemme dalle quali si ottiene un gemmoderivato attivissimo contro le infezioni recidivanti delle vie aeree superiori come rinofaringiti, tonsilliti, otiti o bronchiti. L'assunzione è di 30-50 gocce al dì, in mezzo bicchiere d'acqua, lontano dai pasti.

L' Adathoda vasica è originaria dell'India dove viene utilizzata da secoli contro la tosse ed il catarro. La medicina ufficiale Occidentale sfrutta da anni  l'attività della bromexina e di un suo derivato, l'ambroxolo, per la preparazione di specialità medicinali contro la tosse. Tali principi attivi si ottengono dall'Adathoda. E' consigliabile però utilizzare un preparato che contenga tutto il fitocomplesso, piuttosto che molecole purificate o ricreate in laboratorio, poiché la forza della pianta si ritrova nell'insieme dei suoi principi attivi. L'Adathoda ha proprietà mucolitiche, favorisce l'espettorazione ed attenua gli spasmi della tosse. Stimola anche la funzione ciliare dell'epitelio respiratorio favorendo l'eliminazione del catarro. Inoltre sembra che abbia anche un'attività di potenziamento delle difese immunitarie poichè è stato notato, durante il suo uso,  un aumento delle immunoglobuline A, anticorpi presenti a livello della mucosa nasale, del cavo orofaringeo e  dei seni paranasali. E' sconsigliato l'uso in gravidanza.

L'ontano nero (alnus glutinosa ) è un albero che cresce  velocemente raggiungendo anche i venti metri di altezza. Se ne utilizzano le gemme che hanno azione antinfiammatoria e anticatarrale. se ne prendono 50  gocce al dì lontano dai pasti, in mezzo bicchiere d'acqua.

La Propoli, rimedio straordinario e dai molteplici effetti positivi, si può utilizzare non solo in fase di prevenzione ma anche durante la malattia. Qualunque sia la porzione dell'apparato respiratorio colpita l'uso di Tintura madre di propoli, o di sciroppo o di  pastiglie, determinerà un' azione antibiotica naturale, antinfiammatoria ed immunostimolante. L'associazione con rimedi antitussivi ne può completare l'attività.

E CONTRO L'ALLERGIA?
Contro l'allergia Ancora Adathoda vasica, che si è dimostrata estremamente efficace contro l'asma bronchiale e tutte le manifestazioni allergiche  a carico dell'apparato respiratorio. Possiamo associare Adathoda a piante come Ribes nigrum, Perilla frutescens e Boswellia serrata.

Ribes nigrum è un gemmoterapico tra i più utilizzati nella medicina naturale, forse il più utilizzato. Ha una azione "cortison like" cioè come il cortisone di sintesi, ma non ha mostrato effetti collaterali. Il suo uso prolungato in soggetti asmatici determina un' azione antinfiammatoria e broncodilatatrice che riduce la frequenza degli attacchi. Inoltre stimola il potenziamento delle difese naturali del soggetto in quanto immunomodulante.

Perilla frutescens è originaria della Cina ma viene molto utilizzata anche in Giappone, soprattutto come alimento. In Occidente sono stati fatti numerosi studi che hanno dimostrato che perilla riduce la flogosi allergica ed è un rimedio importante in caso di asma bronchiale, bronchite cronica e dermatite atopica.

Ancora una pianta Indiana: Boswellia serrata. La sua azione consiste nell'inibire l'attività dell'enzima 5-lipossigenasi, responsabile dei processi infiammatori tipici delle reazioni immunologiche e allergiche. Viene utilizzata in caso di asma bronchiale, artriti, artrosi, malattie allergiche della pelle.

Appartiene alla classe dei bioflavonoidi la quercetina, molecola presente nel tè verde, nelle cipolle e nel vino rosso. La sua azione nelle allergie è legata alla capacità di bloccare la liberazione di istamina inibendo la degranulazione dei mastociti. In questo modo si evitano tutti i fastidiosi effetti dell'allergia come gli starnuti, la rinorrea, la lacrimazione, tutti dovuti all'azione dell'istamina. Inoltre ha azione antiossidante e gastroprotettiva.

Condividi quest'articolo

© Erboristeria | www.rodiola.it.

Zenobia s.r.l - P.IVA 01833970971 - R.E.A FI 475580 - Via Petrarca 53 - 59015 - Carmignano (PO)