Abbronzatura: quanto fa bene? quanto fa male?

L' abbronzatura é lo scurimento della pelle come naturale risposta fisiologica stimolata dall'esposizione ai raggi ultravioletti del sole . Un'eccessiva esposizione al sole può portare a scottature

Pubblicato : 27/08/2015 17:41:22
Categorie : Abbronzatura e abbronzanti , Pelle e capelli

Sommario:
- Abbronzatura: causa ed effeto
- Raggi solari e radiazione ultravioletta: UVB - UVA
- Rischi per la salute
- Scottature
- Benefici per la salute


Tempo di lettura: 4/5 minuti

Causa ed effetto
Lo scurimento della pelle è dovuto ad un aumentato rilascio della melanina nelle cellule della pelle dopo l'esposizione ai raggi ultravioletti. La melanina, è prodotta da cellule chiamate melanociti e protegge il corpo dall'assorbimento di eccessiva quantità di radiazioni solari che sono potenzialmente nocive.
Il fatto che alcune persone si abbronzano più velocemente ed intensamente mentre altre non si abbronzano molto dipende solo da un fattore genetico.

Le frequenze ultraviolette responsabili dell' abbronzatura sono spesso divise in UVA (da 315 a 400nm lunghezze d'onda) e UVB (da 280 a 315nm lunghezze d'onda). I raggi UVB hanno più energia dei raggi UVA e sono per questo potenzialmente più dannosi e più cancerogeni.

UVB
- azione stimolante e secrezione di nuova melanina nella pelle.
- si pensa che provochi la formazione di mole e alcuni tipi di cancro della pelle (ma non il melanoma)
- causa l'invecchiamento della pelle (ma meno velocemente che i raggi UVA)
- produce la vitamina D nella pelle
- è più frequente causa di bruciature rispetto ai raggi UVA
- il suo effetto è virtualmente ridotto da tutti gli occhiali da sole visto il loro SPF (Sun protector factor - [fattore di protezione solare])

UVA
- provocano il rilascio di melanina preesistente dai melanociti
- provocano la combinazione della melanina con l'ossigeno, che in sostanza crea il colore nella pelle.
- sembra essere meno cancerogeno dei raggi UVB, ma causa il melanoma, il tipo di cancro più pericoloso per la pelle
- il suo effetto è meno ridotto dagli occhiali da sole rispetto ai raggi UVB. In compenso è ostacolato dagli abiti.
- è presente più uniformemente durante il giorno e durante le stagioni rispetto ai raggi UVB

Rischi per la salute
Addormentarsi durante l'esposizione al sole aumenta i rischi di scottature.

Cosa sono le scottature solari
Le scottature sono un sintomo di danno alla pelle e sono spesso associate al cancro della pelle. La sovraesposizione al sole è stata invece collegata al melanoma. Negli ultimi anni l'incidenza e la gravità di bruciature è aumentata in tutto il mondo, specialmente nell'emisfero sud anche a causa del danno allo strato d'ozono. L' impoverimento dell'ozono e il buco nell'ozono hanno portato ad un pericoloso aumento delle radiazioni UV. L'incidenza del cancro alla pelle nel Queensland, Australia è aumentata dal 75% negli individui sopra i 64 anni a partire dal 1990.


Troppa esposizione al sole può portare anche a problemi della vista se non si indossano gli occhiali da sole, e anche a problemi del sistema immunitario. I Problemi relativi ai danni alla pelle dovuti all'esposizione ai raggi UV hanno portato alla creazione di prodotti che danno l'apparenza dell'abbronzatura senza tuttavia esporsi al sole.


Benefici alla salute
La pelle produce vitamina D in risposta all'esposizione al sole che può essere un beneficio per coloro che sono carenti di tale vitamina.

Le radiazioni ultraviolette hanno altre applicazioni mediche, nella cura di malattie della pelle come psoriasi e vitiligine.


La cura del sole è spesso utlizzata come come metodo per ridurre o nascondere l'acne, ma le ricerche mostrano che a lungo termine l'acne peggiora in seguito all'esposizione al sole.

Condividi quest'articolo

© Erboristeria | www.rodiola.it.

Zenobia s.r.l - P.IVA 01833970971 - R.E.A FI 475580 - Via Petrarca 53 - 59015 - Carmignano (PO)