Digestione: problemi di digestione lenta o difficile

Molte persone soffrono di digestione lenta o difficile. Capirne le cause ed eliminare le brutte abitudini può essere di aiuto. Conosciamo alcuni rimedi naturali per migliorare la digestione.

Pubblicato : 18/08/2008 15:04:56
Categorie : Enrico Nunziati , Intestino e digestione , Rimedi naturali per tutti , Rimedi per la Terza eta

Argomenti
- come avviene
- problemi di digestione
- rimedi naturali

Tempo di lettura: 5 minuti

Come avviene la digestione
Digestione: problemi di digestione difficile o lenta La digestione è un fenomeno complesso che coinvolge diversi organi dell'apparato digerente e impiega diverso tempo per avvenire completamente. È il passaggio obbligato tra l'ingestione di cibi e il loro utilizzo da parte del nostro organismo tramite l'assorbimento delle sostanze nutritive nel sangue. Inizia, subito dopo l'introduzione dei cibi, nella bocca stessa, tramite la digestione meccanica operata dall'azione di denti e della lingua, combinata con la digestione chimica operata dai succhi digestivi prodotti dalle ghiandole salivari. Queste 3 ghiandole sono situate intorno alla cavità orale e producono una saliva ricca di un enzima chiamato amilasi che digerisce l'amido e inizia la scissione delle macromolecole in molecole più piccole e più facilmente assimilabili dal nostro organismo.

Nella cavità orale si forma il bolo, cioè un ammasso informe di cibo masticato e saliva, che tramite la deglutizione, un processo involontario, passa nella faringe che è l'ultimo tratto in comune tra apparato respiratorio e digerente. Una valvola, l'epiglottide, è posta a separazione dei due apparati, e fa si che il cibo scivoli nell'esofago senza entrare nella laringe, altrimenti si provocherebbe soffocamento.
L'esofago è un “tubo” attraverso il quale il bolo passa nello stomaco, aiutato anche dalle onde peristaltiche, cioè da movimenti dei muscoli della parete del sistema digerente. Il bolo nell'esofago attraversa anche il diaframma che è un muscolo respiratorio posto a divisione tra torace e addome.

Nello stomaco avviene la maggior parte della digestione delle proteine e degli amminoacidi che le compongono, attraverso la forte azione chimica dei succhi gastrici, prodotti dalle ghiandole gastriche della parete dello stomaco, che contengono muco, acido cloridrico ed enzimi digestivi.

Dallo stomaco esce il chimo, cioè la trasformazione del bolo, ed entra nell'intestino dove avviene la maggior parte dell'assorbimento delle sostanze nutritive, la digestione dei grassi ad opera dell'enzima lipasi e dove termina la digestione dell'amido e delle proteine. L'intestino è diviso in intestino tenue (che a sua volta è diviso in duodeno, digiuno e ileo) e intestino crasso, entrambi molto circonvoluti per aumentare la superficie di assorbimento. Alla digestione soprattutto dei grassi partecipano, oltre al succo enterico (prodotto dall'intestino in speciali ghiandole), anche il succo pancreatico prodotto dal pancreas e la bile prodotta dal fegato e immagazzinata nella cistifellea, riversati nell'intestino.

Quindi in sostanza la digestione è la riduzione delle grosse macromolecole (grazzi, zuccheri, proteine) nelle piccole parti che le compongono (aminoacidi, monosaccaridi, ecc) in modo tale da renderle delle dimensioni giuste per essere assorbiti nel sangue passando attraverso la parete dell'intestino.

Problemi di digestione o digestione lenta
Proprio perché la digestione inizia nella bocca si ribadisce sempre di masticare bene e lentamente, non solo per affaticare meno le zone successive del sistema digerente, ma anche per evitare l'entrata eccessiva di aria che può provocare aerofagia.

A livello dello stomaco di sono molte sostanze che possono rovinarne la parete, e sono ad esempio sostanze irritanti come l'alcool o l'aspirina. Quando la mucosa dello stomaco è danneggiata o viene prodotto meno muco che ha azione protettiva, lo stomaco “si digerisce da solo” ovvero si crea per opera dell'acido cloridrico una gastrite, un'ulcera o più semplicemente acidità di stomaco o reflusso gastrico. Inoltre molto spesso c'è anche una scausa batterica, cioè la presenza dell'Helicobacter pylori. Per quanto riguarda l'intestino possono esserci dei problemi soprattutto a carico della sua parte finale che ha la funzione di eliminare i residui di cibo non digerito insieme ad eventuali microrganismi estranei, tramite la formazione delle feci.

Se la peristalsi che accompagna tutto il movimento del cibo all'interno del sistema digerente non è ottimale, a causa di una dieta sbagliata e del poco movimento fisico, si può avere stitichezza, ovvero difficoltà ad eliminare le feci. Questo sgradevole fenomeno colpisce soprattutto le donne.

Se al contrario il cibo passa troppo velocemente nell'intestino e viene espulso senza dare all'intestino stesso il tempo di riassorbire l'acqua in eccesso, si ha la diarrea, che può essere data da infiammazioni locali o addirittura da infezioni.

Infine, ma non meno importante, non possiamo dimenticare le connessioni tra il sistema digerente e il sistema immunitario, per cui una buona salute dell'intestino è sintomo di buona salute generale.

Aiuti e rimedi naturali
Per aiutare la nostra digestione possiamo agire a diversi livelli. Innanzitutto controllare la nostra dieta ed introdurre cibi poco complessi e sani (non esagerare con grassi e fritture ad esempio) e non eccedere con sostanze irritanti come caffeina, alcool o altro.
Masticare lentamente e prendersi il proprio tempo per ogni pasto, un pasto frettoloso è nemico della nostra digestione.

Per evitare aerofagia e flatulenze il finocchio e il carbone vegetale sono indicati. Per l'acidità di stomaco l'argilla verde è un ottimo rimedio accompagnato da tisane calmanti e sfiammanti di camomilla e tiglio. Le alghe, attraverso la presenza dell'alginato, aiutano in casi di reflusso gastrico, e così i preparati a base di liquirizia e calendula.

Per la digestione sono anche consigliate tisane a base di arancia amara, anice stellato, menta piperita e alloro.

Condividi quest'articolo

© Erboristeria | www.rodiola.it.

Zenobia s.r.l - P.IVA 01833970971 - R.E.A FI 475580 - Via Petrarca 53 - 59015 - Carmignano (PO)