STRESS PAURE E FOBIE

In questo articolo descriviamo cos'è lo stress, da cosa é causato e come rimediare. Descriviamo inoltre le nostre fobie e le nostre paure. Come possiamo reagire e cosa possiamo fare

Pubblicato : 22/10/2008 17:59:49
Categorie : Concentrazione e memoria , Maria Elena Frosini , stanchezza, riposo, stress

Sommario
- stress paure e fobie
- Cause delle fobie
- Rimedi naturali
- Alimentazione corretta
- Tecniche antistress
- Le paure dei bambini

Tempo di lettura: 7 minuti

STRESS PAURE E FOBIE
Lo stress è una delle “malattie” più diffuse ai giorni d'oggi. Il lavoro, il traffico cittadino, le difficoltà economiche, i difficili rapporti interpersonali creano in noi una sorta di disagio che il nostro organismo elabora in tutta una serie di disturbi fisici che vanno dall' ansia, all' insonnia, alla cefalea, ai disturbi digestivi, alle palpitazioni, all'affaticamento con difficoltà di concentrazione e di memoria.
L'ansia, generata dallo stress, può sfociare in paure o, soprattutto, in fobie focalizzandosi così su una causa ben precisa e allontanando la vera causa del disagio. Mi spiego meglio. Se ci sono tensioni sul lavoro e questo genera ansia ci sarà chi cercherà di sanare queste tensioni e chi, invece, accuserà crisi di panico o paure di vario tipo, per non affrontare il vero problema.
Naturalmente non è tutto così semplicistico ma spesso se non si riesce a riconoscere la causa del proprio problema e ad elaborarla l'ansia che ne deriva potrà sfociare in paure o fobie di varia natura, in modo da spostare l'attenzione su qualcosa di, apparentemente, meno significativo e non pensare a tutto il resto.

Esistono due tipi principali di fobie: le fobie SEMPLICI rivolte verso un unico oggetto es. paura dei cani ( cinofobia ), paura dei ragni ( aracnofobia ), paura di volare ( aerofobia ), paura dell'altezza ( acrofobia ).
le fobie COMPLESSE, che coinvolgono diversi tipi di fobie come ad es. l' agorafobia che è la paura degli spazi aperti e di lasciare un luogo sicuro .

Le cause delle fobie
La causa più semplice si ritrova di solito in un evento accaduto nel passato. Per esempio la paura dei cani è di solito legata ad un evento accaduto realmente cioè l'essere stati aggrediti da un cane, magari da bambini. Quando la causa è oggettiva di solito anche la sua risoluzione è più semplice.
Se però la paura di cui si soffre è qualcosa di più inconscio e subdolo sarà necessario l'aiuto di uno specialista che prima di tutto riesca a far ammettere al soggetto di avere un problema da risolvere.

Rimedi naturali
Quando i primi malesseri ci turbano o quando lo stress inizia a farsi sentire con mal di stomaco, spossatezza, insonnia, ansia o palpitazioni o semplicemente ci accorgiamo che c'è una causa che potrebbe determinare in noi uno stato di stress, il ricorso alla medicina naturale può far sì che riacquistiamo il nostro equilibrio senza che il malessere sfoci in qualcosa di più complicato.
La medicina naturale è una medicina olistica, cioè che tende a ripristinare un equilibrio nella persona e non semplicemente a “curare” un sintomo, come la medicina tradizionale o allopatica.
Uno dei rimedi antistress più efficaci e naturali è il magnesio. Il magnesio fisiologicamente riduce la secrezione di adrenalina. Quando siamo sottoposti a stress dalle nostre cellule si ha fuoriuscita di magnesio , che poi viene eliminato con le urine, e, conseguentemente a ciò, aumentano i livelli di calcio. Tutto questopuò determinare contratture a livello muscolare, crampi, palpitazioni, mestruazioni particolarmente dolorose ed anche una certa “tensione” a livello psicologico.
Gli studi clinici più recenti hanno dimostrato che reintegrando il magnesio possiamo trarne un gran beneficio sia a livello fisico che psicologico.

Contro lo stress si possono utilizzare anche piante come Rodiola rosea o gymnostemma pentaphyllum che sono considerate adattogene. Con questo termine si identificano quelle piante che aiutano a contrastare gli stati di stress aiutando l'organismo ad “adattarsi” alle nuove situazioni che si vengono a creare.
Altre piante che vengono consigliate nei casi di stress e di ansia sono quelle che possiedono proprietà rilassanti e che migliorano la qualità del sonno, poichè sappiamo che lo stress può determinare, in molti casi , insonnia o sonni molto agitati. Sto parlando di valeriana, passiflora, escolzia, melissa.
Alcuni autori consigliano anche l'uso quotidiano di integratori a base di vitamine del gruppo B, utili per rinforzare i nervi e integratori contenenti olio di enotera o semi di lino, che sono ricchi di acidi grassi essenziali necessari per mantenere sane le funzioni neurologiche.

L'aromaterapia, scienza che studia le proprietà degli oli essenziali, presenta vari oli con proprietà antistress. Lavanda e sandalo possono essere utilizzati nel diffusore o assunti per via orale 3 gocce 3 volte al dì in un cucchiaino di miele ( la solita raccomandazione : mai aumentare le dosi consigliate !! ). Lavanda, neroli e menta piperita possono anche essere messi su un fazzolettino di cotone e “annusati” durante la giornata. Naturalmente o uno o l'altro, non tutti e tre insieme poiché si può annullare l'effetto benefico.
Contro l'ansia possono essere un toccasana i massaggi rilassanti che si effettuano utilizzando un olio da massaggio che contenga 30 gocce di olio essenziale di arancio, neroli o lavanda in 50 ml di olio di mandorle dolci.

Un ultimo rimedio ma non meno importante sono i fiori di Bach. Quando vi è un problema che comprende la sfera emotiva e suprattutto le nostre paure più recondite possiamo rivolgersi ad un bravo floriterapeuta che saprà utilizzare i giustri rimedi floreali per tornare in equilibrio con noi stessi.
Esiste anche una tisana da fare a casa con proprietà adattogene. Si prepara facendo macerare 20g di radice di echinacea con 15 g di radice di eleuterococco in acqua fredda per 1 ora. Poi si porta il tutto ad ebollizione per 5 minuti e si lascia riposare per mezz'ora. La tisana così fatta può essere bevuta nell'arco della giornata o prima di andare a letto.

E L' ALIMENTAZIONE ?
L'alimentazione può incidere moltissimo nei casi di stress. Un bravo nutrizionista può aiutare a superare stati di stress sfociati in ansia o fobie partendo anche semplicemente dall'alimentazione. Alcuni alimenti e bevande come i cibi ricchi di additivi, i grassi saturi, il caffè, lo zucchero bianco raffinato, il tè e gli alcolici possono peggiorare gli stati di stress. Questo perchè sono tutte sostanze stimolanti che aumentano l'ansia.
E' inoltre importante mangiare in maniera salutare. Questo significa seguire una dieta ricca di cibi integrali, verdure, frutta, carne magra, pesce, crostacei e frutti di mare.
Per la verdura sono da preferire gli ortaggi verdi e i fagioli e per la frutta le banane e le albicocche, ricche in magnesio.

Si può preferire alla abituale acqua una ricca in magnesio.
E' molto importante anche la regolarità dei pasti. Saltare i pasti e mangiare in modo disordinato durante il giorno ha un effetto negativosui livelli ematici degli zuccheri, che tendono ad abbassarsi troppo. Ciò che ne può derivare è una sensazione di ansietà e nervosismo che può determinare una maggiore predisposizione alle fobie. Alimentarsi in modo regolare, invece, stabilizza la glicemia e allontana gli stati di ansia e di stress.

TECNICHE ANTISTRESS
La calma e la serenità che ci mancano spesso dobbiamo essere in grado di recuperarle da soli ed abbiamo visto che, per fare questo, possiamo aiutarci con una giusta alimentazione, con rimedi naturali efficaci e non aggressivi e con discipline che possono modulare e ridurre i nostri stati di ansia e stress, prima che questi sfocino in paure o fobie poco controllabili.
Lo yoga è una disciplina orientale ormai molto diffusa anche da noi che insegna tecniche di rilassamento specifiche per aiutare a disperdere la tensione.
Stesso discorso per il t'ai chi, disciplina un po' meno conosciuta qui da noi ma ugualmente molto efficace.
Se non vogliamo buttarci sull'orientale basta anche un po' di ginnastica nell'acqua o una bella corsa per scaricare la tensione e fare il pieno di endorfine, così importanti per il nostro benessere fisico e mentale.

LE PAURE DEI BAMBINI
Nella prima infanzia, soprattutto tra 1 e 6 anni, i bambini soffrono di molte paure. A un anno la paura più grande è quella di essere abbandonati dai genitori e si ripresenta tutte le volte che il babbo o la mamma escono dalla stanza. A due anni i bambini si possono agitare tutte le volte che i genitori si allontanano per andare a lavoro. A tre anni i bambini percepiscono perfino le tensioni che ci possono essere tra i genitori e possono esprimere la loro tensione con enuresi notturna o rifiuto del cibo.

E' importante la serenità quando ci si approccia con un bambino, le coccole al momento giusto e mai proiettare le proprie paure sul figlio.

Se il bambino ha paura del buio o di dormire da solo basterà un orsacchiotto o una favola prima di addormentarsi. E, a proposito di favole, è sbagliato saltare i passaggi più paurosi di favole come Cappuccetto Rosso o I Tre Porcellini poiché è attraverso le favole che il bambino affronta e supera disagi come l'abbandono da parte della mamma o la gelosia verso un fratellino, riconducendoli ad ad una dimensione fantastica che è quella a lui più congeniale.


Maria Elena Frosini
Farmacista di professione, per passione scrive articoli di medicina naturale, alimentazione e benessere. Collabora con riviste che pubblicano articoli di medicina naturale, argomento che conosce bene. Le piacerebbe che un numero sempre maggiore di persone sperimentasse quanto può essere importante conoscere la medicina naturale e tutti i suoi possibili impieghi per la prevenzione ed il benessere.

Le informazioni presenti in questo articolo non possono e non devono sostituire il consulto medico. Ogni indicazione o suggerimento o rimedio naturale riportato NON deve essere seguito senza consulto del proprio medico.

Condividi quest'articolo

© Erboristeria | www.rodiola.it.

Zenobia s.r.l - P.IVA 01833970971 - R.E.A FI 475580 - Via Petrarca 53 - 59015 - Carmignano (PO)