Mal di testa: ecco i tuoi rimedi

Mal di testa: ecco i tuoi rimedi

E’ proprio il caso di dire che con l’emicrania c’è da perdere la testa. Vediamo adesso quali possono essere i tuoi prossimi alleati contro questo disturbo insopportabile

Pubblicato : 20/01/2016 12:49:43
Categorie : Concentrazione e memoria , Enrico Nunziati , Rimedi naturali per tutti

Sommario:
Cos'è il mal di testa
Rimedi naturali
Piante cefaliche
Stile di vita
La tradizione popolare

Che cos'è il mal di testa

C’è quella cronica e quella occasionale, ma in ogni caso l’emicrania è un disturbo molto fastidioso che rischia di minare l’equilibrio psichico della persona, soprattutto se si ripete con frequenza. In alcuni casi entra in gioco la predisposizione, in altri la natura (come nel caso del mal di testa nel periodo pre-mestruale), in altri ancora la postura scorretta o abitudini sbagliate come quella di tenere l’aria condizionata troppo alta (e, allo stesso modo, il calore troppo intenso).

Cosa fare? Dobbiamo subire e basta? In certa misura si, nel senso che purtroppo non esiste una cura preventiva per il mal di testa e quando ormai è scoppiato c’è poco da fare, possiamo solo correre ai ripari con rimedi che non sono comunque sempre risolutivi. Se anche oggi passa, domani il mal di testa può tranquillamente ripresentarsi, a dispetto di rimedi, cure e accorgimenti.

Le armi a nostra disposizione si dividono essenzialmente in 3 gruppi: i rimedi naturali, lo stile di vita (alimentazione e abitudini) e la tradizione popolare. Ovviamente in caso di mal di testa persistente si consiglia di ricorrere al medico, che saprà indicare la strada giusta per risolvere il problema.

I rimedi naturali

Tra i rimedi naturali indichiamo 4 piante dalle comprovate virtù anti-emicrania, e le piante cosiddette cefaliche.

La rosa canina agisce positivamente sul mal di testa, infatti il suo macerato glicerinato viene consigliato molto spesso per la cura dell’emicrania. In particolare la rosa canina risulta utile se si interviene all’inizio, non appena il mal di testa si presenta, perché riesce a inibirlo e a impedire che peggiori.
Dosaggio: la rosa canina si assume in gocce, da sciogliere nell’acqua (1 cucchiaio o 1/1 bicchiere). Per il dosaggio, chiedere consiglio allo specialista.

La maggiorana è un ottimo calmante e proprio per questo viene impiegato con successo nel trattamento delle cefalee. Si può assumere in compresse, oppure come infuso. Per prepararlo mettete in infusione 1 cucchiaio di estratto o di foglie di maggiorana in un pentolino d’acqua bollente e filtratela prima di bere. La tisana si può conservare per tutto il giorno e consumare al mattino e alla sera se il dolore persiste.

La menta ha proprietà calmanti che si rivelano utili anche per attenuare il mal di testa, poiché agisce direttamente sul sistema nervoso. Quando l’emicrania è molto forte, potete preparare con le foglie fresche di menta un infuso da sorseggiare fino a 3 volte al giorno. Il vantaggio dell’infuso alla menta è che si conserva bene e può essere preparato tutto in una volta per essere poi gustato anche freddo.

L’iperico è il rimedio naturale più consigliato quando l’emicrania dipende da un consumo eccessivo di alcool. Dopo aver bevuto troppo, infatti, può capitare di sentire un cerchio alla testa e di avere la sensazione che la testa pesi moltissimo e sia sul punto di scoppiare. In questi casi, l’iperico attenua i dolori e pian piano si torna alla normalità. L’erba di San Giovanni – questo il nome con cui la pianta è conosciuta nella tradizione popolare - si può assumere come infuso ma anche in gocce o compresse, preferibilmente dietro controllo medico.

Le piante cefaliche

Si definiscono cefaliche le piante che hanno proprietà calmanti e rilassanti. Il loro utilizzo in caso di mal di testa si rivela utile se l’emicrania dipende da cause di tipo nervoso: stress, ansia, agitazione prima di un evento speciale (colloquio di lavoro, esame, matrimonio). Per queste occasioni corrono in aiuto la lavanda e i fiori d’arancio, ma anche la valeriana e il tiglio. Le piante possono anche essere combinate tra loro, per massimizzare gli effetti di ognuna.

La lavanda e la valeriana si usano anche in versione di oli essenziali da diffondere nell’ambiente mediante erogatore: entrambe hanno infatti la capacità di rilassare, intervenendo direttamente sullo stato d’animo della persona, il che si rivela utile anche per il mal di testa, soprattutto se di natura ansiosa. In presenza di una forte emicrania l’ideale è starsene in un ambiente tranquillo, lontano da rumori e da tutto quel che può infastidire; in questo contesto, la diffusione del profumo delicato dei fiori d’arancio o della lavanda completa il quadro della ricerca del benessere e del relax. Entrambe le piante possono essere usate anche per via diretta, praticando un leggerissimo massaggio sulle tempie proprio con 2-3 gocce di olio essenziale.
Allo stesso modo, anche il tiglio e la valeriana sono perfetti come infuso in versione anti-mal di testa, ma si possono assumere anche in compresse, soprattutto la valeriana. Il consiglio dello specialista è in questo caso fondamentale, più che altro per individuare il dosaggio corretto.

Le piante cefaliche sono quindi molto utili per la cura dell’emicrania e non presentano effetti collaterali significativi, se non quelli associati al sovradosaggio. La valeriana e la lavanda, in particolare, contribuiscono al benessere di tutto l’organismo, aiutando il mal di testa ad allentare la sua morsa fino a scomparire del tutto.

Lo stile di vita

Per attenuare il mal di testa dovete fare attenzione a 3 variabili: il cibo, il riposo, il massaggio.
Mangiare. Non esistono alimenti pro o contro il mal di testa, ma la vitamina C può dare una mano. La sua capacità di rafforzare il sistema immunitario si rivela infatti utile contro qualsiasi disturbo e l’emicrania non fa eccezione. E’ bene quindi introdurre nell’alimentazione una buona quantità di vitamina C, soprattutto se siete soggetti al mal di testa.
Dormire. Il riposo aiuta. Se la testa vi scoppia e ve ne andate a letto, nella maggior parte dei casi il dolore si attenua e al risveglio vi sentirete meglio. E’ vero che a volte l’emicrania è talmente forte da impedirvi di prendere sonno, ma in ogni caso già il fatto di distendervi, rilassando così tutto il corpo, è di ausilio. Inoltre potete aiutarvi con una tisana rilassante, a base di camomilla ad esempio, e mentre siete distesi provate a regolare la respirazione. Fate dei respiri profondi ed espirate pian piano: una semplicissima tecnica di rilassamento che potrebbe giovare alla vostra emicrania.
Massaggiare. Un leggero massaggio sulle tempie, sulla fronte o sul collo può aiutarvi ad attenuare il mal di testa. Esercitate una pressione leggera con dei piccoli movimenti circolari, e insistete sul collo se l’emicrania è di natura cervicale o posturale. Se volete, utilizzate 2 gocce di un olio essenziale calmante, come l’olio di lavanda o di valeriana.

La tradizione popolare

Cosa consigliano i classici rimedi della nonna contro il mal di testa? Potremmo definirla terapia del freddo, perché si parla di ghiaccio e di acqua gelata. Per quanto riguarda il ghiaccio, secondo la tradizione popolare si può trarre giovamento dall’applicazione locale di cubetti di ghiaccio, direttamente sulle tempie. Il freddo favorisce la contrazione dei vasi sanguigni e in qualche modo diventa anestetico, intervenendo così sulla percezione del dolore.

Per quanto riguarda invece l’acqua gelata, per avere beneficio sulla testa bisogna partire dai piedi. Ebbene si, un classico pediluvio può aiutare ad attenuare il dolore del mal di testa, per quanto possa sembrare strano. La difficoltà iniziale è immergere i piedi nell’acqua freddissima, ma pian piano ci si abitua e si avverte beneficio in tutto il corpo. La sensazione di benessere parte dai piedi e si propaga sulle gambe e poi su tutto il corpo. Il ‘merito’ è della temperatura dell’acqua, che stimola la circolazione sanguigna e ne evita l’accumulo sulla testa.

Infografica mal di testa emicrania

Condividi quest'articolo

© Erboristeria | www.rodiola.it.

Zenobia s.r.l - P.IVA 01833970971 - R.E.A FI 475580 - Via Petrarca 53 - 59015 - Carmignano (PO)