Vitamina C | dove trovarla negli alimenti

Vitamina C | dove trovarla negli alimenti

La vitamina C apporta molteplici benefici all’organismo, sotto diversi punti di vista. In caso di carenza vitaminica è consigliabile assumerla mediante integratori; meglio attraverso l'alimentazione

Pubblicato : 05/02/2016 08:27:18
Categorie : Enrico Nunziati , Malattie invernali , Rimedi naturali per tutti

vi siete mai chiesti a cosa serve la vitamina C ? O in quali alimenti la possiamo trovare?

Vediamo prima di tutto velocemente tutti i vantaggi della vitamina C per cercare di capire meglio per quale motivo è così importante assumerla. Sicuramente il beneficio più noto è che, stimolando il sistema immunitario, contrasta l’insorgere del raffreddore e di altri disturbi stagionali. Non stupisce quindi assumere vitamina C è importante soprattutto in inverno e in particolare per bambini e anziani, che sono le categorie più a rischio. Anche i fumatori dovrebbero sforzarsi di integrare la vitamina C perché, essendo sottoposti a stress ossidativo, ne hanno livelli mediamente più bassi.

Ma questa è solo una delle proprietà benefiche comprovate. La vitamina C infatti è un antiossidante naturale e quindi ritarda l’invecchiamento cellulare. Come antiossidante è considerato anche antitumorale. Inoltre facilita la guarigione delle ossa fratturate o la cicatrizzazione delle ferite: per questo motivo è fortemente consigliata nella fase riabilitativa dopo incidenti.

La vitamina C favorisce la produzione di emoglobina e di globuli rossi nel midollo osseo e quindi rappresenta un prezioso alleato per curare l’anemia e le infezioni delle vie urinarie. In particolare in gravidanza viene prescritta per ridurre il rischio di sviluppare infezioni del tratto urinario.

E’ stato dimostrato anche il suo ruolo nella formazione del collagene, una proteina che serve a produrre il tessuto connettivo.

Alimenti che contengono la vitamina C
Il fabbisogno di vitamina C per un adulto è di circa 60 mg al giorno; quello dei bambini va dai 40 milligrammi per i neonati ai 45 per età comprese tra i 9 e i 13 anni. Come essere sicuri di assumerne a sufficienza?

La vitamina C si trova in diversi alimenti. Quasi tutti sanno che gli agrumi (arance ma anche clementine) sono una fonte naturale di vitamina C. Tuttavia ne contengono alte percentuali anche altri frutti, come le fragole ma anche il ribes nero e i frutti di bosco in genere. Tra i frutti esotici i più ricchi di vitamina C sono i kiwi, la papaia, l'acerola e la guaiave.

Tra le verdure quelle che contengono la maggiore percentuale di vitamina C sono i pomodori, gli spinaci, i cavoletti di Bruxelles, i ravanelli, gli asparagi, i peperoni gialli e verdi, il crescione, le fave e i broccoli. Come regola generale si può considerare che tutti gli ortaggi a foglia verde scura sono ricchi di vitamina C.

E poi le spezie: i peperoncini, sia rossi che verdi, sono in assoluto l’alimento che fa registrare la concentrazione maggiore di vitamina C (242,5 mg ogni 100 grammi). Una buona percentuale è contenuta anche nel timo e nel prezzemolo.

Se dovessero riscontrarsi carenze vitaminiche inoltre si può valutare l’assunzione di integratori alimentari. Anche chi assume integratori di ferroacido folico o vitamine E, dovrebbe fare scorta di vitamina C perché quest’ultima facilita l’assorbimento delle suddette sostanze nutritive.

Condividi quest'articolo

© Erboristeria | www.rodiola.it.

Zenobia s.r.l - P.IVA 01833970971 - R.E.A FI 475580 - Via Petrarca 53 - 59015 - Carmignano (PO)