OLIO DI AVOCADO: proprietà

Gli aztechi lo chiamavano ahuacalt, termine che gli spagnoli trasformarono in aguacate e che alla fine si tramutò in avocado.

Parliamo un po' del frutto di avocado

L'avocado è il frutto della Persea americana, una pianta appartenente alla famiglia delle Lauracee, originaria dell'America centro-meridionale. Oggi viene coltivato in Messico, Stati Uniti, Repubblica Dominicana, Brasile, Colombia. Se ne conoscono tante specie, tra le più conosciute abbiamo l'avocado Hass, Fuerte, Zutano, Bacon. E' un frutto periforme, con una buccia rugosa verde brillante, una polpa burrosa di colore giallo verdastro e un nocciolo di notevoli dimensioni. Esiste anche un avocado senza nocciolo, piuttosto piccolo, chiamato avocado cetriolo.

100 Grammi di frutto contengono 15 grammi di lipidi, dei quali 10 grammi sono monoinsaturi e quindi buoni per la salute, 0 grammi di colesterolo, 485 mg di potassio, 7 grammi di fibre, 10 mg di vitamina C, 29 mg di magnesio, 146 UI di retinolo, 7 mg di sodio, il 74,3% è costituito da acqua e le calorie sono 161. Sono presenti anche acido folico, acido pantotenico, rame, niacina, ferro e zinco.

E' un frutto nutriente ed energetico ma anche facilmente digeribile perchè contiene enzimi che ne facilitano la digestione. Ha proprietà salutari per stomaco ed intestino.

E ora parliamo dell'olio

Si estrae dal frutto per spremitura a freddo o per centrifugazione. Presenta un alto tenore di acido oleico, vi sono anche acido palmitico, linoleico e linolenico. Nella frazione insaponificabile vi è un'alta concentrazione di vitamina E, carotenoidi, fitosteroli, alcoli terpenici, terpeni, lecitine.

Gli oli migliori sono quelli non rettificati, che si presentano scuri, opachi e viscosi. Gli oli chiari e trasparenti sono più raffinati. Sono stati fatti studi all'Università degli Studi di Reggio Calabria sull'olio ottenuto attraverso l'impiego di diversi formulati enzimatici. I frutti impiegati erano nati da piante coltivate nella zona del Metaponto. La qualità dell'olio ottenuto è risultata ottima e questo può aprire nuove strade per l'estrazione di quest'olio. L'olio di avocado è un olio eudermico, possiede proprietà preziose per il benessere della pelle. E' emolliente, riepitalizzante, restitutivo, addolcente. Migliora ed accelera la cicatrizzazione, riporta all'equilibrio i tessuti sclerotici. E' ottimo sulla pelle matura ma anche sulle smagliature. Possiamo considerarlo un balsamo per le pelli secche, che hanno bisogno principalmente di essere nutrite. Allo stesso modo è un prodotto eccezionale in caso di eczemi, pelli disidratate e atoniche. Sembra che l'olio di avocado sia in grado di agire stimolando l'attività dei fibroblasti nel derma, promuovendo la sintesi di collagene e di conseguenza migliorando l'elasticità e l'idratazione cutanea. E' un ingrediente insostituibile per trattamenti antirughe, antismagliature, rassodanti. Adatto anche a zone delicate come l'interno coscia o l'interno braccia.

Utilizzi dellì'olio di avocado

  • - L'olio di avocado può essere un valido alleato contro le dermatiti da pannolino.
  • - Contro le scottature.
  • - E' ottimo in caso di scottature da sole e da fuoco, per le sue proprietà riepitelizzanti e cicatrizzanti.
  • - Contro forfora e prurito

Un impiego interessante dell'olio di avocado è quello contro la forfora e il prurito. E' sufficiente scaldare appena un po' d'olio e applicarlo sulla testa massaggiando leggermente. Si lascia agire 20-30 minuti, ma si può lasciare anche tutta la notte e la mattina procedere con uno shampoo delicato.

Ottimo nutriente per la notte

La pelle del viso e del corpo, soprattutto in caso di pelli secche e mature, non possono che trarre grande beneficio se si applica l'olio di avocado dopo la pulizia serale del viso o dopo la doccia e si fa agire per tutta la notte. Sembra sia un buon rimedio anche in caso di macchie cutanee.

Olio base per aromaterapia

Come altri oli vegetali anche l'olio di avocado è un ottima base per veicolare gli oli essenziali su viso e corpo. Per le pelli mature, per potenziare l'attività antiage, possiamo aggiungere a 50 ml di olio di avocado 8 gocce di olio essenziale di incenso, in caso di eczemi o prurito aggiungeremo invece 9-10 gocce di olio essenziale di lavanda.

Una maschera per il viso fai da te?
Miele, yogurt e un po' di olio di avocado.

Impieghi culinari

Il frutto dell'avocado, così ricco di acidi grassi essenziali e fibre, è un valido alleato della nostra salute. Secondo l' American Heart Association l'avocado “aiuta a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue, riducendo il rischio di malattie cardiache ed infarti. Inoltre fornisce sostanze nutrienti e aiuta a preservare le cellule del corpo. I grassi monoinsaturi sono anche solitamente ricchi di vitamina E, un antiossidante di cui gran parte degli americani ha grande bisogno”. E non solo gli americani, potremo aggiungere.

L'avocado si consuma prevalentemente crudo perchè mal sopporta la cottura. Si può servire al naturale riempiendo la cavità del nocciolo con vinaigrette, maionese, succo di limone sbattuto con sale e pepe. Si può aggiungere a sandwich, insalate, minestre calde e fredde, al gelato e alle macedonie. Si può farcire con pollo o frutti di mare. In Messico un caratteristico piatto è il guacamole, una purea di avocado insaporita con peperoncino, cipolle, spezie e succo di lime che si serve per accompagnare le famose tortillas.


Maria Elena Frosini
Farmacista di professione, per passione scrive articoli di medicina naturale, alimentazione e benessere. Collabora con riviste che pubblicano articoli di medicina naturale, argomento che conosce bene. Le piacerebbe che un numero sempre maggiore di persone sperimentasse quanto può essere importante conoscere la medicina naturale e tutti i suoi possibili impieghi per la prevenzione ed il benessere.

Le informazioni presenti in questo articolo non possono e non devono sostituire il consulto medico. Ogni indicazione o suggerimento o rimedio naturale riportato NON deve essere seguito senza consulto del proprio medico.

Condividi