Rimedi e metodi per dormire e per l’insonnia

Rimedi e metodi per dormire e per l’insonnia

Vediamo quali rimedi naturali possiamo adottare contro l'insonnia per dormire - finalmente - bene

Pubblicato : 29/06/2017 07:17:14
Categorie : Enrico Nunziati , stanchezza, riposo, stress

Il sonno, quello di qualità, è al giorno d’oggi un lusso per la maggior parte delle persone; la nostra società viaggia a ritmi elevati, c’è sempre troppo poco tempo per qualsiasi cosa, anche per dormire. Abbiamo sempre la testa piena di pensieri e quando ci distendiamo non sempre la nostra mente ha voglia di riposare.

L’insonnia è una condizione psicofisica complessa, spesso causata da un diverso numero di fattori, per correggere i quali è necessario effettuare cambiamenti ambientali e comportamentali. A prescindere dalle cause, l’insonnia è tra i disturbi del sonno più comuni e per il suo trattamento vengono di solito prescritti farmaci specifici; tuttavia, esistono anche numerosi rimedi naturali per l’insonnia, come gli integratori, alcuni cibi, le erbe e uno stile di vita sano e corretto.

Rimedi naturali per l’insonnia: cibi, erbe ed integratori

La melatonina è un ormone che aiuta la regolazione delle fasi di sonno/veglia, causa sonnolenza, abbassamento della temperatura corporea, mettendo l’organismo in fase di sospensione. Gli studi sull’efficacia della melatonina sono discordanti: alcuni ritengono che apporti benefici, altri invece che non aiuti affatto che è affetto da insonnia. Sembra invece unanime la valutazione positiva circa la sua validità in caso di jet lag.

Un altro rimedio naturale per l’insonnia è la combinazione di cibi che inducono il sonno; unire carboidrati e proteine favorisce un corretto riposo, tanto che alcuni specialisti suggeriscono di mangiare una mezza banana con un cucchiaio di burro di arachidi o un cracker integrale con del formaggio 30 minuti prima di mettersi a letto.

Anche il magnesio sembra giocare un ruolo fondamentale nel processo del sonno. Alcune ricerche hanno stabilito che anche una sua minima mancanza possa impedire al cervello di rilassarsi la notte.

Fonti di magnesio sono le verdure a foglia verde, le germe di grano, i semi di zucca e le mandorle. Prima di assumere integratori di magnesio è bene consultarsi con un medico se già si prendono altre medicine, al fine di evitare interazioni.

L’olio essenziale di lavanda produce un effetto calmante, incoraggiando il sonno. L’utilizzo migliore è aggiungerlo ad un bagno caldo prima di mettersi a dormire.

La radice di valeriana è riconosciuta da tempi antichi come un’alleata preziosa del sonno e del rilassamento; ad oggi, tuttavia, ci sono studi contraddittori, che ritengono necessarie alcune settimane di assunzione prima che la valeriana inizi a fare effetto.

Ultima, non per importanza, è la L-teanina, un amminoacido presente nelle foglie di tè verde, noto per combattere con efficacia ansia e stress. Una ricerca del 2007 ha dimostrato che la L-teanina riduce il battito cardiaco e la risposta immunitaria allo stress.

Altri metodi per dormire bene: cambiamenti nello stile di vita

A volte possono bastare anche semplici cambiamenti nel proprio stile di vita per combattere i problemi di insonnia e dormire finalmente bene.

Il primo, ad esempio, è quello di preferire alla sera un libro alle TV; le luci colorate possono infatti provocare in alcune persone una sorta di effetto jet lag che rende più complicata la fase del sonno. Anche avere apparecchiature elettroniche accese vicino al letto non permette di dormire bene o in maniera corretta e riposante.

Molti esperti suggeriscono, in caso di impossibilità a prendere sonno nell’arco di trenta minuti, di non preservare, ma di alzarsi, lasciare la stanza e magari leggere un libro, per poi tornare a letto una volta più stanchi.

Anche l’esercizio fisico aiuta a combattere i disturbi del sonno, ma sono importanti sia l’ora che la frequenza dell’attività. È stato infatti provato che fare esercizi tutte le mattine per una mezz’ora favorisce il sonno alla sera; la spiegazione sta nella capacità dell’esercizio fisico di armonizzare i ritmi dell’organismo, attraverso i cambi di temperatura corporea (essa infatti sale di circa 6 gradi durante l’attività fisica, per poi scendere gradualmente nelle ore successive e il raffreddamento del corpo viene associato ad una migliore qualità del sonno).

Condividi quest'articolo

© Erboristeria | www.rodiola.it.

Zenobia s.r.l - P.IVA 01833970971 - R.E.A FI 475580 - Via Petrarca 53 - 59015 - Carmignano (PO)