Mirtillo: un naturale aiuto per occhi, gambe e circolazione venosa (Formula concentrata)

Mirtillo E.S concentrato 25% Visualizza ingrandito

Mirtillo E.S concentrato 25%

L' estratto di Mirtillo viene considerato un naturale nutrimento per gli occhi, consigliato spesso per disturbi visivi generici, nelle difficoltà di adattamento a condizioni di scarsa luce.

Confezione: Flacone da 30 capsule

Maggiori dettagli

IntegratoriPrezzo 13.00

  • SPEDIZIONE Gratis con E 25.00 di acquisto

  • CONSEGNA in 24h con i corrieri SDA e BRT

  • PAGAMENTO SICURO

Avvertenze
Non assumere in gravidanza Il prodotto va utilizzato nell’ambito di una dieta variata ed equilibrata seguendo uno stile di vita sano.
Non eccedere le dosi giornaliere raccomandate.
Tenere lontano dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni
In caso di uso prolungato consultare il medico.
In presenza di determinati stati fisiologici o patologici, o in associazione a terapie farmacologiche, consultare il medico.
Istruzioni
1 capsula 1-2 volte al giorno
Ingredienti
Estratto secco titolato al 25% di antocianosidi di Mirtillo
nero frutti

Tenore degli ingredienti caratterizzanti 1 capsula 2 capsule RDA
Mirtillo E.S 160 mg 320mg
- corrispondenti a Antocianosidi 40mg 80mg
Effetti riconosciuti *
Funzionalità del microcircolo (gambe pesanti). Antiossidante. Benessere della vista. Regolarità del transito intestinale.
* Sostanze e preparati vegetali ammessi - ( Min. Salute, 12/2011)
Informazioni generiche

Denominazione botanica: Vaccinium myrtillus L.
Famiglia: Ericacee
Nomi stranieri: ingl. - Bilberry, Whortleberry, Huckleberry; fr. - Airelle, Myrtille; ted. - Heidelbeere, Bickbeere, Blauberee; sp. - Arandano, Raspano, Mirtilo, Anavia, Rasponera
Sinonimi: mirtillo nero, bàgola, baggiola, uva dei boschi, piuri, ampulette, lambrune, asaire, giàsine, cesarelle, murùcule
Parti usate: frutti (bacche) (Mirtilli fructus Comm. E) -

La pianta del mirtillo, appartenente alla famiglia delle Ericacee, è un arbusto di piccola taglia che cresce nelle zone montuose di Europa e Nord America. Si caratterizza per foglie alternate, ellittiche, di color verde intenso, mentre i fiori che appaiono da aprile a giugno sono di color rosa o viola a forma di campana rovesciata. Produce frutti di piccole dimensioni di colore viola sia all’interno che all’esterno. Questi vengono raccolti da luglio a settembre a seconda dell’altitudine a cui vive la pianta; le piante ad alta quota maturano più tardi.
I primi cenni storici di utilizzo nella cura di determinate patologie risalgono al Medioevo, ma sono del 1500 le prime citazioni specifiche che lo descrivono come una pianta utile al trattamento di calcoli della vescica, disordini biliari, scorbuto, tosse e tubercolosi. Il decotto di foglie era invece usato per trattare il diabete.

Lo sapevi che...

Di recente le proprietà del mirtillo sono state studiate per il trattamento di disturbi oculari, disordini vascolari, diabete.

Molte molecole come le antocianine (agenti ad azione antiossidante che conferiscono il tipico colore al mirtillo), vitamine , zuccheri e pectine sono state isolate dal frutto. Dalle foglie sono stati estratti quercetina, catechine, tannini e acidi [1-2]. Le antocianine sono considerate i componenti che maggiormente caratterizzano l’estratto di mirtillo e quindi i più studiati. Se nel frutto fresco la loro concentrazione varia dallo 0.1 allo 0.25% del peso del frutto a seconda dello stato di maturazione [3], negli estratti concentrati si può arrivare fino al 25% [2]. Le antocianine hanno mostrato forti proprietà antiossidanti [4], di riduzione della permeabilità e fragilità capillare [5] e nell’inibire l’aggregazione piastrinica migliorando la circolazione [6]. Assieme ad altri componenti presenti nelle foglie sono in grado di svolgere un azione sul sistema immunitario modulando il rilascio di molecole pro-infiammatorie come prostaglandine [7-8-9-10]. Inoltre il decotto di foglie pare sia in grado di abbassare i livelli di glucosio nel sangue [11].

Gli effetti benefici a livello oculare sfruttano meccanismi non ancora del tutto chiariti. Questi includono l’abilità di migliorare l’ossigenazione e la circolazione nella zona dell’occhio ed eliminare i radicali liberi che contribuiscono all’insorgere della cataratta e della degenerazione maculare. Inoltre gli antocianosidi hanno un affinità per le zona pigmentata della retina, responsabile della visione e dell’adattamento alle diverse condizioni di luce e buio [12-13]. Durante la II guerra mondiale gli aviatori Inglesi che assumevano estratto di mirtillo riportavano un aumento della visione notturna ed una facilità di adattamento ai cambi di luce [14-15]. Anche studi più moderni indicano un miglioramento nelle performance visive in seguito a somministrazione di estratto di mirtillo [16-17-18]. Gli effetti oculo-protettivi erano stati studiati negli anni ‘80 con risultati positivi per il trattamento del glaucoma, ma senza però giungere a risultati definitivi . Negli ultimi anni c’è stato un ritorno di attenzione verso l’estratto di mirtillo per le sue ormai chiare proprietà antiossidanti [12-19]. Anche persone affette da cataratta potrebbero vere benefici dall’assunzione di estratto di mirtillo [20].

Altri studi scientifici mostrano come il mirtillo contribuisca a migliorare anche la micro circolazione riducendo la permeabilità vascolare e migliorando il tono dei vasi e il flusso sanguigno [21-22-23-24]. Gli effetti di mantenimento della salute dei vasi sono stai osservati anche in persone con alti livelli di colesterolo e quindi con pareti dei vasi inspessite e più rigide [25].

Riguardo il trattamento del diabete, anche se studi di laboratorio hanno avvalorato la medicina popolare, evidenziando la capacità di ridurre il carico di glucosio a livello plasmatico [26], mancano ancora studi certificati che ne confermino la reale attività in soggetti diabetici.
Infine, un recente studio ha messo in luce come l’estratto di mirtillo sia in grado di ridurre l’adesione dei batteri all’epitelio delle vie urinarie e di conseguenza di prevenire l’insorgenza di infezioni delle vie urinarie come la cistite [27].

Essendo un frutto, non sono stati riportati eventi avversi associati al consumo anche di quantità elevate. Amministrazione orale per lunghi periodi nell’uomo non hanno mostrato alcun segno di tossicità [28]. Poichè sono stati riportati effetti antiaggreganti in seguito all’assunzione di alte dosi d’estratto , si consiglia attenzione in chi assume farmaci anticoagulanti.

Bibliografia

1. Benigni R, Capra C, Cattorini PE. Plante Medicinali – Chimica Farmacologia E Terapia. Vol.II. Milano, Italia: Inverni della Beffa; 1962:951-958.
2. Baj A, Bombardelli E, Gabetta B, Martinelli EM. Qualitative and quantitative evaluation of Vaccinium myrtillus anthocyanins by high-resolution gas chromatography and high-performance liquid chromatography. J Chromatography 1983;279:365-372.
3. Morazzoni P, Bombardelli E. Vaccinium myrtillus I. Fitoterapia 1996;67:3-29.
4. Salvayre R, Braquet P, Perruchot T. Douste-Blazy L. Flavonoids and Bioflavonoids 1981. Amsterdam-OxfordNew York: Elsevier Press; 1982:437-442.
5. Mian E. et al. Anthocyanosides and the walls of the microvessels. Further aspects of the mechanism of action of their protective effect in syndromes due to abnormal capillary fragility. Minerva Med 1977;68:3565-3581. 
6. Bottecchia D, et al. Preliminary reports on the inhibitory effect of Vaccinium myrtillus anthocyanosides on platelet aggregation and clot retraction. Fitoterapia 1987;48:3-8.
7. Kuhnau J. The flavonoids. A class of semi-essential food components. Their role in human nutrition. Wld Rev Nutr Diet 1976;24:117-191.
8. Harvsteen B. Flavonoids, a class of natural products of high pharmacological potency. Biochem Pharmacol 1983;32:1141-1148.
9. Gabor M. Pharmacologic effects of flavonoids on blood vessels. Angiologica 1972;9:355-374.
10. Amella M, Bronner C, Briancon F, et al. Inhibition of mast cell histamine release by flavonoids and bioflavonoids. Planta Medica 1985;51:16-20.
11. Bever B, Zahnd G. Plants with oral hypoglycemic action. Quart J Crude Drug Res 1979;17:13996.
12. Caselli L. Clinical and electroretinographic study on activity of anthocyanosides. Arch Med Int 1985;37:29-35.
13. Wegmann R, Maeda K, Tronch P, Bastide P. Effects of anthocyanosides on photoreceptors. Cytoenzymatic  aspects. Ann Histochim 1969;14:237-256.
14. Jayle GE, Aubert L. Action des glucosides d’anthocyanes sur la vision scotopique et mesopique du sujet normal. Therapie 1964:19:171-185. [Article in French]
15. Terrasse J, Moinade S. Premiers resultats obtenus avec un nouveau facteur vitamininique P “les anthocyanosides” extraits du Vaccinium myrtillus. Presse Med 1964;72:397-400. [Article in French]
16. Gloria E, Peria A. Effect of anthocyanosides on the absolute visual threshold. Ann Ottalmol Clin Ocul1966;92:595-607. [Article in Italian]
17. Muth ER, Laurent JM, Jasper P. The effect of bilberry nutritional supplementation on night visual acuity and contrast sensitivity. Altern Med Rev 2000;5:164-173.
18. Miyake S, Takahashi N, Sasaki M, Kobayashi S, Tsubota K, Ozawa Y. Vision preservation during retinal inflammation by anthocyanin-rich bilberry extract: cellular and molecular mechanism. Lab Invest. 2012 Jan;92(1):102-9. 
19. Mozaffarieh M, Grieshaber MC, Orgül S, Flammer J. The potential value of natural antioxidative treatment in glaucoma. Surv Ophthalmol. 2008 Sep-Oct;53(5):479-505.
20. Bravetti G. Preventive medical treatment of senile cataract with vitamin E and anthocyanosides: clinical evaluation. Ann Ottalmol Clin Ocul 1989;115:109. [Article in Italian]
21. Lietti A, Cristoni A, Picci M. Studies on Vaccinium myrtillus anthocyanosides. I. Vasoprotective and anti-inflammatory activity. Arzneim Forsch 1976;26:829-832.
22. Colantuoni A, Bertuglia S, Magistretti MJ, Donato L. Effects of Vaccinium myrtillus anthocyanosides on arterial vasomotion. Arzneim Forsch 1991;41:905-909.
23. Pennarola R, et al. The therapeutic action of the anthocyanosides in microcirculatory changes due to adhesiveinduced polyneuritis. Gazz Med Ital 1980;139:485-491. [Article in Italian]
24. Ghiringhelli C, Gregoratti L, Marastoni F. Capillarotropic activity of anthocyanosides in high doses in phlebopathic stasis. Minerva Cardioangiol 1978;25:255-276.
25. Zhu Y, Xia M, Yang Y, Liu F, Li Z, Hao Y, Mi M, Jin T, Ling W. Purified anthocyanin supplementation improves endothelial function via NO-cGMP activation in hypercholesterolemic individuals. Clin Chem. 2011 Nov;57(11):1524-33.
26. Takikawa M, Inoue S, Horio F, Tsuda T. Dietary anthocyanin-rich bilberry extract ameliorates hyperglycemia and insulin sensitivity via activation of AMP-activated protein kinase in diabetic mice. J Nutr. 2010 Mar;140(3):527-33.
27. Ermel G, Georgeault S, Inisan C, Besnard M. Inhibition of Adhesion of Uropathogenic Escherichia coli Bacteria to Uroepithelial Cells by Extracts from Cranberry. J Med Food. 2011 Nov 14. [Epub ahead of print] 
28. Morazzoni P, Bombardelli E. Vaccinium myrtillus I. Fitoterapia 1996;67:3-29.

Recensioni

Scrivi una recensione
Mirtillo E.S concentrato 25%

Mirtillo E.S concentrato 25%

L' estratto di Mirtillo viene considerato un naturale nutrimento per gli occhi, consigliato spesso per disturbi visivi generici, nelle difficoltà di adattamento a condizioni di scarsa luce.

Confezione: Flacone da 30 capsule

4 altri prodotti della stessa categoria:

Articoli del Blog

© Erboristeria | www.rodiola.it.

Zenobia s.r.l - P.IVA 01833970971 - R.E.A FI 475580 - Via Petrarca 53 - 59015 - Carmignano (PO)