Aerofagia ? rimedi naturali per te

Aerofagia ? rimedi naturali per te

Per aerofagia si intende l’ingestione eccessiva di aria all’interno del tratto gastrointestinale.

Pubblicato : 10/07/2017 14:26:08
Categorie : Enrico Nunziati , Intestino e digestione

L'aerofagia è un problema che colpisce milinoni di persone. Molto spesso la persona colpita ne è ignara: si trova quindi ad avere a che fare con bolle d'aria nello stomaco e/o flatulenza, in particolar modo notturna, (quando si è sdraiati) senza aver chiara l'idea di quali possono essere le cause di aerofagia. Cerchiamo di capire qauali sono i rimedi naturali da adottare.

Sommario:

Cos’è l’aerofagia

Molte persone, senza accorgersene, deglutiscono un po’ di aria quando parlano, quando mangiano o bevono. Ma nei casi di aerofagia, la quantità di aria ingerita è così elevata che può causare gonfiore addominale, dolore intestinale ed eccessiva eruttazione.

La maggior parte dell'aria inghiottita viene normalmente gettata fuori, ma con una respirazione eccessiva della bocca essa può passare dallo stomaco all'intestino tenue. Quando ci si sdraia è probabile che questa quantità aumenti ancora di più.

Una volta che questa aria si trova all’intero del tratto gastrointestinale ciò che non è assorbito nell'intestino tenue (in primo luogo l'ossigeno) deve andare da qualche parte. Questo passaggio spesso porta a gonfiori addominali e talvolta a crampi intestinali.

rimedi per l'aerofagia

Cause di “aerofagia”

Mangiare o bere troppo rapidamente può portare ad inghiottire aria eccessivamente, soprattutto quando si mangia con la bocca aperta o quando si parla mentre si mangia.

Bere bevande gassate, come ad esempio la birra, è un altro modo di introdurre gas all’interno dello stomaco. Anche bere con la cannuccia, bere velocemente e da fontane d'acqua.

La maggior parte di questa aria inghiottita di solito viene espulsa fuori. Ma se hai problemi di gonfiore addominale e crampi allo stomaco, dovresti ridurre al minimo questo tipo di bevande, mantenere quest’abitudine per un po’ e vedere se i sintomi diminuiscono.

Masticare gomme, gustare dolci e aspirare il fumo delle sigarette, può significare una maggiore quantità di aria ingoiata. Ad ogni modo queste abitudini sarebbe bene abbandonarle in generale per la tua salute.

Come smettere di respirare con la bocca

La congestione nasale o altri problemi che conducono alla respirazione della bocca, specialmente quando si dorme, possono essere causa di aerofagia. La respirazione della bocca non solo aumenta significativamente la possibilità che l'aria entri nello stomaco, ma è anche un modo molto sbagliato di respirare.

La respirazione attraverso il naso è sorprendentemente importante. Quando respiri attraverso il naso, l'aria viene riscaldata e filtrata da eventuali agenti contaminanti. La respirazione del naso aiuta anche a generare ossido di azoto, che ha molte funzioni importanti nel nostro corpo, tra cui distruggere i patogeni nel nostro sistema respiratorio, regolare il flusso sanguigno, rilasciare gli ormoni e giocare una parte in diverse funzioni neurologiche.

La respirazione della bocca, d'altro canto, riduce l'assorbimento di ossigeno e può contribuire ad un sonno difficoltoso e a disturbi del sonno, può comportare stanchezza generale, un forte russare ed apnea del sonno (associati ad attacchi cardiaci), inoltre tutta una serie di problemi di salute. Questo è ancora più importante per i bambini, il cui complessivo sviluppo facciale può essere influenzato da una respirazione eccessiva della bocca, in particolare durante il sonno.

Per problemi occasionali che portano alla respirazione della bocca, come ad esempio il naso chiuso a causa di allergie o raffreddori, degli speciali cerottini nasali sono stati dimostrati efficaci per espandere le narici e consentire di respirare normalmente, soprattutto durante il sonno.

Per i problemi in corso e l'aerofagia, sono disponibili molti prodotti naturali, come ad esempio il finocchio e il carbone vegetale. Sempre più medici stanno prendendo coscienza del problema, ma vale la pena di trovare uno specialista che capisca le serie conseguenze di tale respirazione e sia in grado di trattarla.

Aerofagia ed ansia

Quando si è ansiosi, nervosi o tesi possiamo ingerire molta aria senza rendercene conto. Troppa caffeina può sicuramente contribuire a questo, ma anche lo stress al lavoro o nei rapporti personali sono spesso un fattore.

Parlare troppo velocemente è un altro comportamento correlato allo stress che può portare a respirare dalla bocca e deglutire troppa aria. Questo tipo di aerofagia è solitamente più di un problema subconscio: parlare più lentamente, respirare col naso e diventare consapevoli del nostro comportamento e del nostro respiro sono i primi passi per lasciarla andare.

Meteorismo

Il meteorismo può dare manifestazioni simili all'aerofagia, ma in realtà ha altre cause. È sempre un eccesso di gas nelle vie digestive, ma non si tratta di aria ingerita per via orale, bensì di gas quali azoto, anidride carbonica e in alcuni casi metano.

Questi vengono prodotti nell'intestino a causa della fermentazione di zuccheri e cellulosa assunti in eccesso nella dieta perché la digestione si rende più difficoltosa. Talvolta possono essere implicate anche infezioni batteriche (ad esempio Helicobacter pilorii) o altre alterazioni di stomaco, intestino e fegato da verificare consultando un medico.

Eruttazione e flatulenza

L'escrezione dell'aria può avvenire per eruttazione, per flatulenza o per espirazione attraverso i polmoni. Normalmente vengono escreti una media di 700 ml di gas per giorno. L'eruttazione è definita come un'emissione brusca e rumorosa attraverso la bocca di aria accumulata nello stomaco durante l'assunzione del cibo e di gas prodotto dalla digestione. La flatulenza è l'emissione di gas intestinale per via rettale. Il gas presente normalmente nell'intestino è inodore. L'odore dei gas espulso è dato dalla presenza in tracce di ammoniaca, acido sulfidrico e acidi grassi.

Condividi quest'articolo

© Erboristeria | www.rodiola.it.

Zenobia s.r.l - P.IVA 01833970971 - R.E.A FI 475580 - Via Petrarca 53 - 59015 - Carmignano (PO)