cause ritardo ciclo mestruale

cause ritardo ciclo mestruale

Il ciclo tarda ad arrivare? Con i rimedi naturali si può favorire la regolarità e porre rimedio ha una condizione che può avere diverse cause. Lo stress è in cima alla lista, probabilmente la causa più comune: il nervosismo, l’agitazione, l’ansia sono nemici della regolarità. Non è insolito che, in seguito ad un periodo particolarmente stressante, a un lutto, a un dispiacere o ad un qualsiasi evento che coinvolga la sfera emozionale, il ritardo mestruale si presenti puntuale. E non c’è solo lo stress mentale, ma anche quello fisico, per cui lavori pesanti e ritmi di vita frenetici possono far slittare il ciclo oltre la data prevista.

Poi possono esserci cause di tipo clinico (come l’endometriosi) che vanno risolte con l’ausilio del medico. Se i problemi sono di natura ormonale ci sono diverse erbe officinali che possono aiutare, ma è prima di assumere qualsiasi cosa è importante verificare che il ritardo mestruale non dipenda da una gravidanza.

Altre possibili cause sono le carenze alimentari. Attenzione soprattutto alla vitamina C, che non deve mai mancare ed eventualmente va assunta in compresse per integrare. Un’alimentazione carente di macronutrienti (carne, pesce, uova) non giova al ciclo mestruale e può provocare irregolarità. Da evitare per lo stesso motivo le diete drastiche, che comportano l’esclusione e la perdita di nutrienti fondamentali per il corretto funzionamento dell’organismo.

Erbe e tisane.
Basta scegliere le erbe giuste e bere una tazza di tisana una o più volte al giorno. Particolarmente indicati sono il rosmarino, il finocchio, la salvia, il prezzemolo, la cannella e lo zenzero.

Lo zenzero, in particolare, ha la capacità di stimolare l’attività uterina e ovarica, e di stimolare così l’arrivo delle mestruazioni.

La salvia, dal canto suo, contiene fitoestrogeni che ‘ricordano’ gli ormoni e favoriscono la regolarità mestruale. In una giornata l’ideale è bere 2 o 3 tazze di infuso, anche lontano dai pasti.

Il sedano contiene l’appiolo, una sostanza che stimola le mestruazioni. E’ utile mangiarlo tutti i giorni durante ‘l’attesa’ e si può anche bere come infuso. Attenzione alle allergie, molto frequenti con il sedano.

La borsa del pastore ha la capacità di favorire le contrazioni uterine, quindi è utile per regolarizzare il ciclo mestruale. Assumerla in anticipo aiuta ad ottenere una cadenza regolare del ciclo mestruale. Una o due tazze al giorno sono sufficienti.

Sempre utili anche le tisane ‘evergreen’, a base di camomilla, melissa o tiglio. Aiutano infatti a tranquillizzarsi e a calmare i nervi, dettaglio sempre importante quando si tratta di ciclo e problemi ormonali. Il fatto stesso di stare ad aspettare l’arrivo delle mestruazioni e di concentrarsi sul ritardo può essere una causa ‘bloccante’.

Le erbe in compresse
I prodotti in compresse vanno assunti alcuni giorni prima dell’arrivo del ciclo. In questo modo si va ad intervenire a monte, per evitare che il problema si presenti grazie alle specifiche proprietà di alcune erbe e piante. L’agnocasto e l’assenzio, ad esempio, hanno la capacità di stimolare le contrazioni uterine, mentre l’alga spirulina e la garcinia intervengono sugli ormoni. Un ottimo prodotto é Dol Mestr Mese di erbavita.

L’alga spirulina. Attraverso le vitamine A ed E regolarizza il funzionamento delle ovaie. Il complesso vitaminico e il contenuto di ferro della spirulina la aiutano anche a contrastare la stanchezza e la debolezza che si accumulano quando si accumulano giorni di ritardo nel ciclo.
La spirulina si assume in compresse, senza superare i 2 gr al giorno, preferibilmente sotto controllo medico.

La garcinia cambogia. La garcinia è nota come prodotto dimagrante ma è anche un valido regolarizzatore del metabolismo e del ciclo mestruale. Nel caso del ciclo non regolare si assume 1 compressa prima dei pasti, con un dosaggio che si stabilisce in base al peso della persona.

L’assenzio. E’ una delle erbe più usate per far venire il ciclo. Vanta infatti proprietà emmenagoghe e viene spesso prescritto per regolarizzare le mestruazioni e per favorirne la comparsa in caso di ritardi ricorrenti.

L’artemisia. E’ una pianta nota per la sua capacità di regolare le disfunzioni mestruali. Utile come infuso quando il ritardo mestruale è una prassi, non un’eccezione. Si può assumere come infuso (2 tazze al giorno) o come tintura madre. In questo caso il dosaggio è di 25-30 gocce da 2 a 3 volte al giorno a partire da almeno una settimana prima della data presunta del ciclo.

Gli oli essenziali
Alcuni tipi di oli favoriscono la regolarità del ciclo. Si possono usare mediante erogatore, nell’acqua della vasca o per un massaggio sulla pancia che trasmetta calore oltre alle proprietà benefiche della pianta.
Ad esempio se il ciclo è sempre in ritardo è utile l’olio di calendula. E’ infatti antinfiammatorio, lenitivo e ricco di flavonoidi che regolarizzano il ciclo mestruale.
Anche l’olio di camomilla e l’olio di lavanda sono utili sia per aromaterapia che per massaggi, perché svolgono un’azione calmante e mantengono in equilibrio i livelli ormonali, senza contare che contrastano l’agitazione che può rallentare il ciclo.

Il consiglio della nonna
Mettere una borsa di acqua calda tra le gambe o sul pube. In questo modo si favorisce il rilassamento della muscolatura uterina e inoltre il calore svolge un’azione stimolante. L’ideale è farlo sdraiate a letto, meglio se di sera prima di dormire, così dopo si ‘spegne il cervello’ e il corpo si rilassa.

Condividi

Zenobia s.r.l via Leopardi, 17 - 59015 - Carmignano Loc. Comeana (PO) Tel/fax 055 87 19 891 P.IVA 018339709 R.E.A FI 475580