Ginseng, il tonico per eccellenza

Scontato

Sconto quantita

Ginseng E.S 60 cpr. Visualizza ingrandito

Ginseng E.S 60 compresse

Noto e utilizzato sin dall'antichità é impiegato nei casi di stanchezza e come energizzante.*

*Il prodotto è un integratore, i risultati ottenibili possono variare da persona a persona.

Confezione: 60 tavolette da 370 mg

Maggiori dettagli

Vigore e SessualitàPrezzo 13.41

SCONTO -10%

invece che 14,90 €

  • SPEDIZIONE Gratis con E 25.00 di acquisto

  • CONSEGNA in 24h con i corrieri SDA e BRT

  • PAGAMENTO SICURO

Quantità Prezzo Sconto Risparmia
3 12,96 € 13% Fino a 5,81 €
5 12,67 € 15% Fino a 11,18 €
7 12,37 € 17% Fino a 17,73 €
10 11,92 € 20% Fino a 29,80 €
10   recensioni
Avvertenze
Da usare per periodi continuativi possibilmente non superiori a 1 mese.
Evitare l'uso contemporaneamente a terapie con psicofarmaci e con ormoni, nell'ipertensione grave, in gravidanza e nei bambini. Il prodotto va utilizzato nell’ambito di una dieta variata ed equilibrata seguendo uno stile di vita sano.
Non eccedere le dosi giornaliere raccomandate.
Tenere lontano dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni
In caso di uso prolungato consultare il medico.
Il prodotto è un integratore, i risultati ottenibili possono variare da persona a persona.
In presenza di determinati stati fisiologici o patologici, o in associazione a terapie farmacologiche, consultare il medico.
Istruzioni
1-2 tavolette a colazione ed eventualmente 1 a pranzo
Ingredienti
Panax Ginseng
radice 300 mg estratto secco.
Titolo. 12% min. ginsenoside Rg1

ginseng (Panax ginseng C.A.Meyer) radice estratto secco titolato al 12% di ginsenosidi (supportato su maltodestrine da mais); cellulosa microcristallina; antiagglomeranti: talco, magnesio stearato vegetale, silice colloidale.


Effetti riconosciuti *
Tonico-adattogeno. Antiossidante. Stanchezza fisica mentale. Metabolismo dei carboidrati.
* Sostanze e preparati vegetali ammessi - ( Min. Salute, 12/2011)
Informazioni generiche

Denominazione botanica: Panax ginseng C.A. Meyer, P. schin seng Nees -
Famiglia: Araliacee
Sinonimi: ginseng coreano, radice della vita, fenice coreana
Nomi stranieri: ingl., fr., ted., spagn. - ginseng; cinese – Ren shen; giapponese - Ninjin; coreano - Insam
Parti usate: radice (Ginseng radix FUI IX, Comm. E) -
Tempo balsamico: dopo il sesto anno

La pianta del ginseng (panax ginseng), appartenente alla famiglia delle Araliaceae, cresce nelle zone più ad est di Asia e Russia [1-2]. La si può ancora trovare allo stato selvatico nelle foreste della Manciuria e del nord-Korea, mentre in altre parti dell’Asia come Giappone Cina e Korea viene ormai coltivata per poi essere impiegata nella medicina tradizionale o venire esportata.

Il panax ginseng è una pianta pluriennale decidua che ama le zone ombreggiate e si caratterizza per foglie a cinque punte, piccoli fiori bianchi, bacche rosse e radici di color giallo-bruno [3-4-5]. La pianta possiede radici carnose che richiamano vagamente la forma del corpo umano. Da questa somiglianza nasce il nome cinese “ jen shen” che significa letteralmente “uomo-radice” [3].
Il termine panax deriva invece dal latino “panacea” che ben descrive  il suo utilizzo per curare i moltissimi e diversi sintomi e malesseri.  La parte usata per scopi medici e terapeutici dalla medicina tradizionale è la radice, anche se le stesse sostanze attive sono state successivamente individuate anche in tutte le altre parti delle pianta.

Esistono due forme di ginseng, ottenute da un diverso sistema di lavorazione: quello bianco è prodotto dalla radice raccolta, lasciata asciugare al sole; quello rosso invece deriva dalla radice cotta al vapore e poi essiccata. Il contenuto degli agenti attivi (vari tipi di glicosidi che ricadono nella definizione comune di “ginsenosidi”) differisce in minima parte nei due modi di preparazione. Il fattore che invece influenza il livello delle molecole attive è l’età della pianta: piante più vecchie ne contengono di più [4-5].

Lo sapevi che...

Il ginseng ha una tradizione più che millenaria come rimedio nella medicina tradizionale di Cina, Corea e Giappone, per le sue numerose aree di applicazione. Veniva infatti usato come tonico e adattogeno, ossia come agente in grado di determinare  un effetto stimolante sul corpo attraverso meccanismi non specifici, per rafforzare il fisico e attenuare la fatica, per curare le malattie epatiche, gli stati influenzali, amnesie, per regolare i livelli di glucosio nel sangue, per migliorare la libido, l’infertilità e disfunzioni erettili, nelle donne in menopausa e per migliorare vitalità e longevità [3-6].

Per queste sue proprietà, risulta un valido rimedio nei casi di affaticamento psico-fisico, spossatezza stagionale e nei casi di deficit energetico.
I moderni studi clinici hanno focalizzato la loro attenzione sulla regolazione del glucosio, sulla stanchezza e sugli effetti immunomodulatori. Sono stati infatti condotti studi sulla stimolazione del sistema immunitario che hanno evidenziano come chi assume estratto di ginseng mostra  un considerevole aumento dell’attività del sistema immunitario dopo 4 settimane dall’inizio dell’assunzione [7]. Inoltre il ginseng, dato per alcune settimane in associazione alla vaccinazione anti-influenzale, si è dimostrato in grado di aumentare la risposta anticorpale. Inoltre nel gruppo che assumeva Ginseng i ricercatori hanno registrato una marcata riduzione del numero di eventi influenzali rispetto a coloro che erano stati solo vaccinati [8].

Il ginseng veniva già usato dalla medicina tradizionale per i benefici effetti sulla regolazione del glucosio.  Studi preclinici avrebbero evidenziato come i ginsenosidi siano effettivamente in grado di mediare un effetto modulatorio su insulina e livelli di glucosio. Gli studi clinici finora condotti [9-10-11] confermano le evidenze mostrando una riduzione dei livelli plasmatici di glucosio a digiuno in soggetti diabetici di tipo 2.
Inoltre il consumo di ginseng si è dimostrato capace di modulare i livelli dei grassi nel sangue, riducendo trigliceridi, colesterolo totale, in particolare LDL il cosiddetto colesterolo cattivo [12-13]. A livello molecolare sembra che i ginsengosidi siano in grado di inibire gli enzimi preposti all’assorbimento dei grassi [14].

Al ginseng sono stati attribuiti anche ruoli nella prevenzione dell’insorgenza da tumori.  Lavori pre-clinici in specifici modelli sperimentali hanno rafforzato questa idea. Studi epidemiologici svolti su numeri elevati di persone hanno dimostrato come, tra coloro che consumavano ginseng per lunghi periodi ed in modo continuativo, si osservasse una ridotta incidenza di eventi tumorali rispetto a chi non lo consumava [15-16]. Più che un diretto effetto anti-tumorale si ritiene che l’effetto sia legato alla modulazione del sistema immunitario ed all’associato effetto antiinfiammatorio.
Tali studi non sono definitivi e devono essere confermati e approfonditi, soprattutto allungando il periodo di osservazione dei soggetti al fine di poter stabilire una correlazione diretta.

In linea con un’indicazione dell’OMS (Organizzazione Mondiale Sanità), le saponine del ginseng hanno un effetto sull’ impotenza maschile attraverso la riduzione dell’ormone prolattina, con un conseguente aumento della libido [17] e un possibile effetto sulla disfunzione erettile [18].

Da notare che tutti gli studi su soggetti finora effettuati, sono stati condotti su campioni di numero limitato e mirando a misurare effetti diversi, quindi non offrono un quadro finale esaustivo ma delle buone indicazioni che dovranno comunque essere confermate in futuro.

Bibliografia

1. Seely D, Dugoua JJ, Perri D, et al. Safety and efficacy of Panax ginseng during pregnancy and lactation. Can J Clin Pharmacol 2008;15:e87-e94.

2. Chong SK, Oberholzer VG. Ginseng – is there a use in clinical medicine? Postgrad Med J 1988;64:841-846.

3. Duke J. The Green Pharmacy Herbal Handbook: Your Comprehensive Reference to the Best Herbs for Healing. Emmaus, PA: Rodale; 2000:115-116.

4. Blumenthal M. The ABC Clinical Guide to Herbs. New York, NY: Theime; 2003:211-225.

5. Weiss R. Herbal Medicine. Gothenburg, Sweden: Beaconsfield Publishers LTD; 1988:176-177.

6. Kiefer D, Pantuso T. Panax ginseng. Am Fam Physician 2003;68:1539-1542.

7. Scaglione F, Ferrara F, Dugnani S, et al. Immunomodulatory effects of two extracts of Panax ginseng C.A. Meyer. Drugs Exp Clin Res 1990;16:537-542.

8. Scaglione F, Cattaneo G, Alessandria M et al. Efficacy and safety of the standardized ginseng extract G115 for potentiating vaccination against the influenza syndrome and protection against the common cold. Drugs Exp Clin Res 1996;22:65-72.

9. Sotaniemi EA, Haapakoski E, Rautio A. Ginseng therapy in non-insulin-dependent diabetic patients. Diabetes Care 1995;18:1373-1375.

10. Reay JL, Kennedy DO, Scholey AB. Single doses of Panax ginseng (G115) reduce blood glucose levels and improve cognitive performance during sustained mental activity. J Psychopharmacol 2005;19:357-365.

11. Vuksan V, Sung MK, Sievenpiper JL, et al. Korean red ginseng (Panax ginseng) improves glucose and insulin regulation in well-controlled, type 2 diabetes: results of a randomized, double-blind, placebocontrolled study of efficacy and safety. Nutr Metab Cardiovasc Dis 2008;18:46-56.

12. Yamamoto M, Uemura T, Nakama S, Uemiya M, Kumagai A. Serum HDL-cholesterol-increasing and fatty liver-improving actions of Panax ginseng in high cholesterol diet-fed rats with clinical effect on hyperlipidemia in man. Am J Chin Med 1983;11:96–101.

13. Kim SH, Park KS. Effects of Panax ginseng extract on lipid metabolism in humans. Pharmacol Res 2003;48:511–513.

14. Karu N, Reifen R, Kerem Z. Weight gain reduction in mice fed Panax ginseng saponin, a pancreatic lipase inhibitor. J Agric Food Chem 2007;55:2824–2828.

15. Yun TK, Choi SY. Preventive effect of ginseng intake against various human cancers: a case-control study on 1987 pairs. Cancer Epidemiol Biomarkers Prev 1995;4:401-408.

16. Yun TK, Choi SY. Non-organ specific cancer prevention of ginseng: a prospective study in Korea. Int J Epidemiol 1998;27:359-364.

17. World Health Organization. Radix Ginseng. WHO Monographs on Selected Medicinal Plants Vol. 1. Geneva, Switzerland: World Health Organization; 1999:168-182.

18. Jang DJ, Lee MS, Shin BC, Lee YC, Ernst E. Red ginseng for treating erectile dysfunction: a systematic review. Br J Clin Pharmacol. 2008 Oct;66(4):444-50.

 

Valutazione Prodotti
  • Numero di recensioni :

    10

  • Voto Medio : 4.3 /5
  •  il 11/09/2018
  • 4/5
buon prodotto*
*I risultati personali dei testimonial non sono garantiti
  •  il 10/05/2018
  • 4/5
E come una carica, la mattina io preferisco prenderne due.*
*I risultati personali dei testimonial non sono garantiti
  •  il 10/02/2018
  • 4/5
Efficace Da provare*
*I risultati personali dei testimonial non sono garantiti
  •  il 23/01/2018
  • 4/5
Forse è un placebo. Ma psicologicamente fornisce un condizionamento positivo.*
*I risultati personali dei testimonial non sono garantiti
  •  il 30/08/2017
  • 5/5
Buono ma meglio sarebbe in capsule*
*I risultati personali dei testimonial non sono garantiti
  •  il 30/06/2017
  • 4/5
Ottimo*
*I risultati personali dei testimonial non sono garantiti
  •  il 23/06/2017
  • 5/5
ottimo rapporto qualità/prezzo*
*I risultati personali dei testimonial non sono garantiti
  •  il 17/06/2017
  • 5/5
Come da aspettative*
*I risultati personali dei testimonial non sono garantiti
  •  il 21/04/2017
  • 4/5
Mi pare che mi carichi abbastanza. È vero che lo assumo anche come caffè... Spero di non esplodere.*
*I risultati personali dei testimonial non sono garantiti
  •  il 20/04/2017
  • 4/5
SCOMODO SOLO PERCHE' NON IN CAPSULE*
*I risultati personali dei testimonial non sono garantiti

4 altri prodotti della stessa categoria:

© Erboristeria | www.rodiola.it.

Zenobia s.r.l - P.IVA 01833970971 - R.E.A FI 475580 - Via Petrarca 53 - 59015 - Carmignano (PO)